Descrizione immagine

SOLIDARIETA'   GINNIC CLUB

Descrizione immagine

Articolo del quotidiano “Libertà” del 5 ottobre 2015

Descrizione immagine

Articolo del quotidiano “Libertà” 

Descrizione immagine

Articolo del quotidiano “Libertà” del 18 febbraio 2015

Descrizione immagine
Descrizione immagine

I

 Articolo di Dino Groppelli



Una pizzata in compagnia per i poveri di Piacenza

 

Decine di cartelli svolazzanti sulle teste dei partecipanti, sfondo bianco e scritta a caratteri cubitali color rosso con la parola GRAZIE è la rappresentazione della ottima riuscita della manifestazione, della gioia che da ogni partecipante è trapelata e la possibilità da parte di che ha organizzato (il sottoscritto e la moglie Lella) di ringraziare tutti ed essere ancora vivi.

Si, perché alla fine eravamo in tantissimi, grazie al passaparola ma soprattutto ai tanti passaggi che Libertà e Telelibertà ha concesso alla organizzazione. Tutte le sale parrocchiali erano gremite, e nonostante la ressa tutto si è svolto nel migliore dei modi.

Un grazie di cuore che desideriamo esprimere direttamente dopo la presentazione di ieri sera è rivolto alle volontarie e volontari che hanno permesso un servizio impeccabile nonostante il tantissimo pubblico. E’ con piacere che li elenco per rendere loro il giusto apprezzamento e ringraziamento:

Sono le signore e signorine Celestina, Carmelina, Adriana, Lella, Teresa, Benedicta, Nencia, Greta, Gessica, i signori Nicola e Franco. Un applauso speciale bisogna rivolgere al mitico Don Beppe, macchina inesauribile di benevolenza e beneficenza.

Considerando l’altissimo numero di partecipanti la cifra incassata è stata rilevante e così distribuita: circa un terzo a rimborso della buonissima cena (pane fatto al forno e ancora caldo con affettati misti e formaggi – chissolini ancora con salumi misti – pizze a gogo – dolce dolcissimo e casereccio – vino e bibite a volonta’) mentre il rimanente sarà tramutato in una serie di acquisti di prima necessità su richiesta dello stesso Don Beppe e con la presenza di testimoni in rappresentanza del folto pubblico presente.

I prodotti acquistati saranno tutti fotografati così come lo scontrino di acquisto ed il tutto farà parte di un archivio aperto a tutti che narra con foto ed aneddoti la bella serata trascorsa.

Noterete che in queste poche parole non si parla di cifre per una questione di pryvaci e rispetto ma assicuriamo che durante la cena ogni partecipante è stato messo a parte di tutto quanto incassato e di come sarà distribuito. Vogliamo ricordare però con molto piacere che al di là della cifra minima offerta per la cena tantissimi partecipanti hanno voluto lasciare una ulteriore offerta, così che il totale lievitasse ulteriormente.

Non posso terminare senza aver fatto gli ultimi due ringraziamenti: Grazie a Libertà per la visibilità (mia moglie ed io crediamo fermamente che il bene se fatto bene “attacca”) e un ringraziamento ed una promessa rivolta a tutti coloro che desiderando aderire alla iniziativa non hanno avuto la possibilità di farlo a causa dei posti ormai completamente esauriti; a questi nuovi amici diciamo comunque Grazie e promettiamo che con l’anno nuovo ormai prossimo lanceremo un’altra serata come questa, la pubblicizzeremo e loro saranno se vorranno i nostri primi invitati.

Non avendo più parole e soprattutto Grazie da dire e da dare, mia moglie ed io salutiamo veramente felici.



Un  grupppo di partecipanti...  Voraci
Descrizione immagine

Nella sezione Photo Gallery si può visionare il servizio fotografico

               


     

Articolo del quotidiano “Libertà” del 19 dicembre 2013

  


Contro il gelo, Asd Ginnic Club regala sacchi a pelo alla "Ronda"

    

Contro il gelo, Asd Ginnic Club regala sacchi a pelo alla "Ronda" Alcuni giorni fa fu lanciato un appello per la ricerca di sacchi a pelo a favore dei senzatetto che abitualmente o saltuariamente si rivolgono al Rifugio Segadelli, vale a dire a La Ronda della Carità che gestisce il Rifugio. I posti letto al Segadelli sono sempre insufficienti rispetto ai poveri che chiedono alloggio e in queste notti lunghe e fredde d' inverno è un vero guaio.

Il responsabile della struttura, Gianni Bonadè, fa sapere che in tanti hanno risposto all' appello, come sempre accade, e fra questi cè anche una delle società podistiche più conosciute della città, la Asd Ginnic Club di Piacenza che ha consegnato ben sei sacchi a pelo a La Ronda, offerti da dirigenti e soci.

La solidarietà passa quindi anche attraverso i piccoli gesti che non vengono segnalati per ricervere un "grazie" o un "bravo", ma per essere di stimolo ad altre realtà, locali e non. 




Nella foto, il momento della consegna dei sacchi a pelo da parte del presidente 

dell' Asd Ginnic Club, Alberto Tagliaferri (a sinistra) a Gianni Bonadè.

Descrizione immagine

Articolo del quotidiano “Libertà” del 23 giugno 2014

A volte basta una pizza per aiutare le famiglie in difficoltà economiche

Metti un gruppo di amici di buona volontò e di cuore generoso, un parroco che da sempre organizza "pizzate"  benefiche, il desiderio di dare una mano a chi è più in difficoltò e non arriva a fine mese. Il risultato è una pizzata collettiva di 103 persone, 1.650 euro raccolti, due parrocchie coinvolte per far recapitare dei pacchi viveri alle famigllie che non riescono ad arrivare a fine mese. Quel gruppo di amici è guidato da Dino Groppelli e raduna gli iscritti alla società sportiva Asd Ginnic Club; a loro però si sono aggiunti anche il gruppo "Valeria Tonna", gli artisti di via Degani e il gruppo Kamenge di Piacenza, oltre a tanti altri piacentini dal cuore sensibile. In tutto 103 persone che hanno pensato bene di ritrovarsi a mangiare una pizza nei saloni parrocchiali di Bosco dei Santi con un'obiettivo nobile: quello di aiutare i piacentini più in difficoltà delle parrocchie di Santa Franca e di Borgotrebbia,

<< Già da un pò di tempo mia moglie ed io avevamo pensato di organizzare un evento benifico nei saloni parrocchiali di Bosco dei Santi - ha spiegato Groppelli - l'obiettivo era appunto benefico: volevamo riuscire a raggranellare un pò di soldi per i "diversamente ricchi" della nostra città. Il problema tuttavia era riuscire a trovare abbastanza amanti della pizza  con il cuore aperto. Abbiamo iniziato con gli amici della società sportiva alla quale apparteniamo da parecchi anni, l'Asd Ginnic Club, ma subito dopo a rispondere all'appello sono stati anche gli amici che da sempre si interessano attivamente delle popolazioni africane ed in particolare del Burundi come il gruppo Valeria Tonna e il gruppo Kamenge>>

Da lì è partito il giro delle telefonate e delle adesioni, che ben presto ha portato ben 103 piacentini a ritrovarsi a Bosco dei Santi.

<< In tutto sono stati raccolte 1.650 euro - ha continuato Groppelli - una parte sono stati consegnati a don Giuseppe Sbuttoni per le sue opere di carità, mentre il restante è servito per acquistare una serie di generi alimentari consigliatici dai parroci di Santa Franca e Borgotrebbia per aiutare delle famiglie in grave difficoltà economiche. La scelta delle due parrocchie è la risultanza dei desideri di parecchi dei participanti alla pizzata di venire incontro ad alcune note situazioni di disagio; in altre circostanze abbiamo intenzione di aiutare realtà del nostro territorio >>.


Il gruppo degli organizzatori dell'evento benefico
Descrizione immagine